fbpx

Discovering PreSila

E’ TEMPO DI VINO NUOVO

Vino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Te lo ricordi l’odore del vino nuovo? L’odore dell’uva mentre viene schiacciata, i pranzi in famiglia, organizzati con l’intento di far assaggiare a tutti i frutti del lavoro fatto?

Beh, sarai certamente felice di sapere che qui in Calabria tutto questo succede ancora, e tutti noi aspettiamo il giorno di San Martino come quando da piccoli si aspettava Babbo Natale!

L’11 novembre è già passato, e anche quest’anno non abbiamo perso tempo per imbottigliare il nostro vino nuovo, fatto in famiglia. Io, insieme a tutto il gruppo di Discovering PreSila, abbiamo fatto esattamente come si faceva una volta: innanzitutto abbiamo preparato l’impasto per le nostre zeppole, che tradizionalmente, come ricorderai, si gustano insieme al vino; e ci siamo riuniti per iniziare il lungo processo di spillamento. Ovviamente tra una bevuta e l’altra siamo riusciti a lasciarne un po’ anche per la sera, fortunatamente 😊.

La sera, una volta che le zeppole fossero fritte e dorate al punto giusto, e che ognuno avesse il suo bicchiere di vino, abbiamo finalmente potuto degustare il NOSTRO vino, e lo scrivo in maiuscolo perché come ben saprai, la lavorazione ed il tempo di attesa che richiede questa tradizione, concede al vino quel carattere di unicità, che lo rende per noi un motivo di orgoglio.

È sempre un piacere vedere insieme, come ogni anno queste tradizioni vengano portate avanti. Penso a quando ero piccolo, andavo sempre con la mia famiglia a casa dei nonni, e ci ritrovavamo tutti a schiacciare l’uva con i piedi; ovviamente per noi non era

una fatica, anzi, lo consideravamo un piacere, quasi un divertimento. Oggi in molte famiglie, in molte case, si è persa questa tradizione, si preferisce comprare il vino al supermercato, magari anche a poco prezzo. Io la trovo una cosa molto triste, e non mi riferisco solo al vino, quanto piuttosto alla perdita della tradizione in se, è una cosa che davvero faccio fatica a comprendere, e spero che molto presto qualcuno faccia un passo indietro, e capisca che continuare a fare il vino in casa sia non solo importante a livello salutare, ma soprattutto a livello di crescita personale, sono sicuro che come sono stato io felice da bambino, possano esserlo anche i giovani di oggi; capisco che sia molto più facile pagare e comprare il vino in un minuto, ma vi assicuro che non ve ne pentirete!

Ora basta però, non voglio essere ripetitivo, spero di non averti stancato con la solita storia della tradizione, e spero che tu capisca che per me, e per noi di Discovering PreSila è molto importante tutto ciò. Ti lascio con un consiglio, se anche tu vuoi riscoprire questa tradizione, o se hai già davanti a te il vino nuovo, ti consiglio di assaggiarlo con la soppressata piccante, fidati, non te ne pentirai 😊

Spero che queste righe siano d’aiuto anche a chi è lontano dalla Calabria, spero di aver riportato alla mente i vostri ricordi più sinceri e belli, e spero che presto avremo la possibilità di vederci ed abbracciarci, magari per farvi conoscere la nostra amata presila.

Lascia un commento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ti potrebbe interessare anche...