fbpx

Discovering PreSila

Paese che vai… Eccellenze che trovi – “A MUZZUNATA” Specialità gastronomiche in Calabria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
"Di certo il caldo della stagione facilita le cose ma io difronte ad una bella granita accompagnata da una brioche proprio non riesco a resistere!!! "

Di certo il caldo della stagione facilita le cose ma io difronte ad una bella granita accompagnata da una brioche proprio non riesco a resistere!!!! Quella piacevole sensazione di freschezza in bocca, la delicatezza e il gusto mi conquistano (i peccati di gola non possono essere messi a tacere!!! 🙂 

Dissetante, energizzante, perfetta per tutti, grandi e piccini, la “Muzzunata” così è chiamata la granita di mandorle in Calabria (ed in particolare a Lamezia Terme), rigorosamente servita con una morbida brioche col tuppo che si gusta “pucciata” direttamente nel bicchiere.
Ideale per una nutriente colazione, una fresca merenda, un pasto sostanzioso o un gustoso dessert, la muzzunata oltre ad essere buona fa anche bene: è priva di lattosio, di glutine, basso livello di colesterolo, ricca di antiossidanti, fibre, vitamine e minerali (potassio, calcio, ferro), insomma è semplicemente PERFETTA 

Tradizione Millenaria preservata nel tempo...

 Le origini della parola “muzzunata” sono incerte, c’è chi sostiene che il nome derivi da muzzuna, termine siciliano che indica una brocca di terracotta priva di collo all’interno della quale si conservava la granita; secondo altri, deriva da un grosso pestello del mortaio dentro il quale venivano pestate le mandorle per ricavarne il latte.

Di sicuro l’influenza sicula è indiscutibile; gli Arabi portano la ricetta dello “sherbet” (sorbetto), bevanda ricavata dal ghiaccio e aromatizzata con succhi di frutta e da qui nell’isola si sviluppa l’arte dolciaria con le caratteristiche granite (oggi dai gusti più svariati)…e vogliamo parlare delle brioche col tuppo? Dolce tipico della pasticceria siciliana ma che ormai è entrato a far parte anche dei dolci tipici calabresi (fortunatamente!!!) che oltre alle granite si sposa perfettamente con il gelato (che ve lo dico a fare…IRRESISTIBILE!!!).

Muzzunata a modo mio:

E se vi dicessi che potete realizzarla anche a casa ed averla a disposizione ogni volta che la voglia vi assale???
Ecco a voi la ricetta per preparare una gustosa granita di mandorle.
Gli ingredienti sono:

          – 1 litro di acqua naturale
          – 350 grammi di pasta di mandorle

 

Preparazione

Per preparare la granita di mandorle (muzzunata), per prima cosa mettete l’acqua in una pentola e portate a bollore.
Spezzettate la pasta di mandorle all’interno dell’acqua calda e mescolate fino a quando la pasta non sarà completamente sciolta. Io vi suggerisco di frullare gli ingredienti aiutandovi con un frullatore ad immersione al fine di ottenere una crema liscia e priva di grumi.
A questo punto filtrate il composto con un colino e mettete il contenuto all’interno di un recipiente di acciaio che riporrete nel freezer.
Dopo circa un’ora tirate fuori la ciotola e sbattete il composto; questa operazione va ripetuta per altre 3 – 4 volte, fino a quando il liquido non avrà assunto la consistenza tipica della granita.
Suggerimento: dover ripetere la stessa operazione più volte può risultare noioso lo so! Un piccolo trucchetto (che vi consiglio di adottare), è quello di mettere il liquido a ghiacciarsi nello stampo per ghiaccio e una volta ottenuti i cubetti, versarli all’interno di un robot da cucina, azionare le lame ed il gioco è fatto!!! GRANITA PRONTA

Poteva mancare la ricetta della brioche col tuppo?

Per i più volenterosi, ecco la ricetta per delle brioche davvero morbidissime!
Gli ingredienti sono:


    – 1 Kg di farina (500 gr manitoba e 500 gr 00)
    – 150 gr di zucchero
    – 3 uova
    – Un cubetto di lievito di birra
    – 1 pizzico di sale
    – 300 ml di latte
    – Buccia di un limone
    – 140 gr di burro

Preparazione

Per preparare le brioche col tuppo per prima cosa sciogliete il lievito nel latte caldo.
Azionate la planetaria (potete utilizzare anche lo sbattitore elettrico) e aggiungete in sequenza, zucchero, uova, sale, buccia di limone e poco per volta la farina. Unite per ultimo il burro morbido e lasciate che l’impasto lo assorba completamente. A questo punto coprite e lasciate lievitare per circa 2 ore.
L’impasto lievitato si presenterà così!

Trasferite l’impasto su di un piano leggermente infarinato e prelevate dall’impasto piccoli pezzi da 80 gr ed in egual numero, tanti pezzi da 15 gr (lo “chignon” delle vostre brioche).

Modellate il pezzo più grande per ricavarne delle palline che riporrete su una placca da forno ben distanziate tra di loro e sopra ognuna riporrete una piccola pallina ricavata modellando il pezzo da 15 gr.

Lasciate lievitare ancora per 30 minuti. Le vostre brioche si presenteranno così:

A questo punto spennellate la superficie con un uovo leggermente sbattuto e infornate a 180° C per 20 minuti circa (dovranno avere un bel colore ambrato). Ed ecco pronte le brioche!!!

Cosa ve ne pare???

Non vi resta che gustarle accompagnate dalla granita di mandorle o farcirle con del gelato.

PROVATE E NON VE NE PENTIRETE !!!

Lascia un commento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ti potrebbe interessare anche...

Cropani

Cropani

In tempi remoti dove ora sorge l’abitato di Cropani vi era un bosco molto fitto di proprietà dei principi Fiore di Satriano;

Leggi Tutto »

C’è Aria Natalizia

Ammettiamolo, tutti gli italiani, e noi del sud in particolare, abbiamo due cose che ci tengono strettamente legati tra di noi, la prima è sicuramente la famiglia e la seconda, per quanto possa sembrare banale, è il cibo.

Leggi Tutto »