fbpx

Discovering PreSila

C’è Aria Natalizia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Ammettiamolo, tutti gli italiani, e noi del sud in particolare, abbiamo due cose che ci tengono strettamente legati tra di noi, la prima è sicuramente la famiglia e la seconda, per quanto possa sembrare banale, è il cibo.

Famiglia e cibo sono i due elementi centrali che caratterizzano i nostri ricordi più belli ed emozionanti; dalla nostra infanzia, quando ci si svegliava con l’odore unico del sugo che borbotta, e la voce inconfondibile di nonni e zii intenti a preparare la tavola con la stessa minuziosità di chirurgo in sala operatoria; sino ad oggi, che magari siamo noi quelli che prepariamo il sugo o la tavola, e lo facciamo con un unico scopo, far vivere ai nostri figli, nipoti o in generale a chi vogliamo bene, esattamente le stesse sensazioni e la stessa magia che questi momenti ci hanno fatto e ci fanno vivere ancora. Quando parliamo di famiglia, cibo e leggerezza tutti noi pensiamo alle festività, in particolare a me piace pensare al periodo natalizio. 

Quel periodo che sul calendario dura pochi giorni ma che per noi calabresi inizia molto prima; perché semplicemente siamo fatti così, ci basta un vecchio camino acceso, della soppressata e qualche mandarino gentilmente regalati dall’amico di famiglia che ogni mattina con la sua vecchia panda 4×4 si alza alle cinque e corre come un matto per veder crescere il proprio orto, un mazzo di carte di quelle vecchie che ormai non vendono neanche più, e poco importa che sia il 25 dicembre o il 10 novembre, per noi sarà già iniziato il periodo natalizio. 

Personalmente, reputo questo periodo il più bello dell’anno, e non ho mai rinunciato a passarlo in famiglia, non ci ho pensato nemmeno un attimo, neppure quando per studiare sono stato costretto ad allontanarmi, neppure quando finiti gli studi sono stato costretto a lavorare altrove, neppure oggi, che sono lontano fisicamente ma presente col cuore.

 Nei momenti più tristi, quando mi sento lontano dal mio territorio, quando mi sento di essere distante anni luce dalle abitudini con le quali sono cresciuto, mi attacco a quanto di più sacro ci sia per un calabrese, ebbene sì, hai capito bene….famiglia e cibo; fortunatamente la mia famiglia non mi fa mancare il calore del sud, anche tramite telefono, e non mi fa mancare nemmeno il cibo se è per questo; infatti, quasi ogni tre mesi vedo il corriere salire le scale del mio palazzo qui a Milano, con la faccia straziata di chi si sta battendo in una gara di sollevamento pesi, portandomi quello che per i calabresi emigrati ha un valore più importante del sacro Graal, il Pacco da Giù!!.

 Allora, ringraziato il corriere per lo sforzo immane fatto per me, scarto quel pacco con l’euforia con la quale scartavo i regali di natale mattina del 25 (e fidatevi che io non dormivo la notte pensando a quei regali), e ci trovo il mio mondo, la pasta fatta in casa, la ‘nduja, la salsiccia, il pecorino, il peperoncino, insomma avete capito, in un pacco così “piccolo” ci trovo un mondo, un mondo fatto di ricordi, ma che mi dà la forza per rimanere qui, lontano, è come una pozione, mi ricarica, mi dà la forza di andare avanti per qualche altro mese.

Molte volte mi sento in colpa con me stesso, penso di non aver dato alla mia terra l’opportunità che meritava, la possibilità di vedermi crescere li, e io di veder crescere lei, ma dopotutto il tempo va veloce, le decisioni vanno prese in fretta, quel famoso treno che passa una volta sola va afferrato e stretto fino ad avere i calli alle mani, non c’è tempo per i rimpianti, si guarda sempre avanti, dopotutto siamo ad ottobre, tra qualche giorno è natale 😊.

Se ti ritrovi in queste parole, se anche tu sei lontano da casa, continua a seguirci e la distanza non ti peserà così tanto.

Un abbraccio grande dalla nostra Calabria…

Un abbraccio grande dalla nostra Presila…

Antonio Bianco Discovering PreSila

Antonio Bianco

Fondatore Discovering PreSila

Lascia un commento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ti potrebbe interessare anche...