fbpx

Discovering PreSila

“Vieni a lavorare con me”

Antonio Bianco
01.09.2019: oggi ho ricevuto una mail da un mio amico che mi chiede di andare a lavorare con lui a Milano per un progetto molto importante. Per ragioni di privacy ho evitato di citare il suo nome per intero e la società per la quel lavora e, previa autorizzazione, ho deciso di pubblicare la sua mail e la mia risposta perché (il mio amico non me ne vorrà) tutti devono sapere che io e moltissimi altri ragazzi amiamo la nostra Terra e siamo disposti a tutto per renderle l'onore che merita.

OGGETTO: VIENI A LAVORARE CON ME

Caro Antonio,

Ti scrivo questa mail, in questa domenica di inizio settembre per esprimerti di nuovo la stima che provo nei tuoi confronti, sei davvero una bella e brava persona, hai tante bellissime qualità ma visto il bene che ti voglio devo dirtelo che… non riuscirai ma a realizzare il tuo sogno, la tua Calabria è una “terra malata”, non ha più speranze è affetta da un tumore all’ultimo stadio come ti ho sempre detto contro il quale non puoi fare niente.

Ha un bel mare (forse), un buon cibo (ma troppo “grasso” per i tempi che corrono) e la natura non vende.

Io ti capisco!! Hai fatto una scelta di cuore a riavvicinarti a casa, ma sei in tempo per cambiare idea, vieni a lavorare con me e in due anni otterrai un successo strepitoso, potrai fare carriera, viaggiare e arrivare dove pochi possono. Ho bisogno di uno come te al mio fianco, insieme possiamo realizzare grandi cose in questa azienda: la tua visione, la tua intelligenza emotiva unite alle mie doti tecniche e alle mie relazioni in questo territorio sono quello che manca a questa società per prendersi tutto il mercato.
Ho già parlato con CEO e DHR per portarti a bordo, devi solo negoziarti il pacchetto retributivo e a inizio Ottobre se a bordo.

Anto UNISCITI A ME !!! Non accetto un no come risposta, aspetto la tua chiamata in settimana.

A presto,
A.R.

RISPOSTA...

Ciao Fenomeno,

che piacere sentirti come stai ? 

In parte le tue parole mi fanno molto piacere, perché sai bene quanto ti stimo come professionista e quanto ti voglio bene.

So bene quanto per me possa fare la differenza venire a lavorare con te a Milano e quanto potrei fare bene con il tuo supporto e forse hai ragione, nel breve periodo potrei ottenere molto di più a livello professionale di quanto otterrei qui nei prossimi anni con Discovering Presila, perché dici bene quando dici che la mia terra è Malata, ma non per quello che pensi tu come mi hai detto più volte, ma perché molte volte noi ragazzi calabresi accettiamo senza pensarci 2 volte proposte come la tua che ci portano sicuramente a raggiungere delle buone gratificazioni in breve tempo, ma sempre per rimanere nel discorso clinico credo che abbiamo trovato la cura alla malattia della Calabria e con un po’ di tempo la mia terra, forse non tra 2 o 3 anni ma sicuramente tra 10 anni sarà sana come un pesce, sarà un posto dove i sogni si possono realizzare, dove le migliori menti del mondo decideranno di passare il loro tempo perché respirando aria buona riescono a fare meglio il loro lavoro, dove ogni mamma vorrà mandare in vacanza i suoi bambini perché si potrà ancora giocare per strada e in mezzo alla natura senza dover per forza spendere un sacco di soldi, dove il pranzo e la cena sono ancora momenti per costruire relazioni vere.

Tra 10 anni la mia Presila sarà sempre meravigliosamente incontaminata e genuina, però rispetto ad ora noi ragazzi ci saremmo impegnati affinché tutto il mondo lo sappia e ognuno con i nostri progetti facendo rete contribuiremo a restituire a questo meraviglioso territorio quello che ci ha dato.

Quindi amico mio, grazi per l’offerta ma NO!, anzi, prendi qualche bel soldino che hai messo in banca e investilo qui così potremmo comunque lavorare insieme se proprio ci tieni 😊

A presto

Antonio Bianco

Adesso voglio fare una domanda a te che mi stai leggendo (ovunque tu sia in questo momento):

 SEI CON ME ?

CE LA FACCIAMO A RENDERE LA NOSTRA VISIONE DI CALABRIA QUALCOSA DI VIRALE ?

Lascia un commento

Ti potrebbe interessare anche...

Il buon cibo non è una moda!

Quante volte ci siamo sentiti dire di mangiare bene, mangiare sano, di non esagerare o di stare attenti a tutte quelle “schifezze”?

Probabilmente la maggior parte delle volte non sei stato a sentire, perché in effetti si trattava di un’eccezione alla regola;

Altre volte invece, forse troppo spesso, quel gesto si trasforma in abitudine e l’attenzione al buon cibo viene meno.

Leggi Tutto »

Le cultivar

“Una Varietà – un Olio – un territorio: Oltre la qualità, l’identità, che trova la massima espressione nell’olio monovarietale, in grado di esaltare le peculiarità chimiche e sensoriali legate a un patrimonio di biodiversità così ricco e variegato”

Cit. Barbara Alfei

Leggi Tutto »