fbpx

Discovering PreSila

“VIAGGIA E ASSAGGIA” – Un’esperienza suggestiva alla scoperta della Riserva delle Valli Cupe e della gastronomia del territorio

Valli Cupe Sersale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Visite guidate, trekking, escursioni in notturna e horse-trekking ma anche stretto legame alle antiche tradizioni locali e alle peculiarità culinarie.

“A volte dimentichiamo che la natura è nostra amica, che quel posto incantato che a primo sguardo sembra una cartolina, quell’imponente parete rocciosa, quelle piante che sembrano essere dipinte da un abile artista e quelle note melodiche che altro non sono che lo scorrere di un fiume, sono lì anche per noi.” 

Siete pronti ad allacciare le scarpe e partire?

Visite guidate, trekking, escursioni in notturna e horse-trekking ma anche stretto legame alle antiche tradizioni locali e peculiarità culinarie che vale la pena scoprire! Una vacanza attiva, adrenalinica che vi renderà protagonisti di un’esperienza emozionante a pieno contatto con la natura !!!

Un piccolo assaggio tanto per iniziare: Riserva Naturale delle Valli Cupe

Situata nei comuni di Sersale e Zagarise (CZ), sorge un’area protetta che si affaccia con i suoi 650 ettari sul Golfo di Squillace. Natura incontaminata dall’anima selvaggia ma che racchiude in se una sola sinfonia, un’esplosione di Libertà.

Le Valli Cupe, sono il perfetto connubio tra la bellezza incontaminata di una natura che a dirla tutta…è stata estremamente generosa, unita all’azione positiva dell’uomo che, ha saputo individuare l’ambientazione esatta per stupirsi e stupire.

“Diamo a Cesare cio’ che è di Cesare”

Il percorso per raggiungere il Canyon della Calabria, non è così scontato. Si passa attraverso colline che ospitano uliveti, uno scenario che cambia man mano che si sale di quota; un susseguirsi di immagini diverse che sorprendono il visitatore.

Gli uliveti lasciano lo spazio ad una vegetazione sempre più ricca di castagni e querce…ed eccoci pronti ad addestrarci nelle Valli Cupe.

Vi attende un sentiero di 1200 mt circa, un’ esperienza meravigliosa ma oserei dire un’ esperienza STRONG !!! Si, perché non ci si rende conto del notevole dislivello del tratto percorso (che si può sostenere secondo diversi livelli di difficoltà); ma questo è solo un piccolo dettaglio.

Fidatevi ne vale sicuramente la pena!

E per i più avventurosi ? Percorsi più inaccessibili mediante apposite jeep, escursioni a cavallo e tanto altro.

Definite come “Il segreto meglio custodito d’Europa” dalla naturalistica belga John Bouquet, le Valli Cupe sono una matriosca di emozioni, un susseguirsi di sorprese.

Non solo lo spettacolare Canyon dalle imponenti pareti rocciose alte fino a 130 metri, ma un vero e proprio scrigno a cielo aperto, un paesaggio spettacolare costituito da una natura selvaggia, torrenti, gole, boschi secolari, un habitat davvero magico all’interno e all’intorno del quale sono incastonati frammenti di antiche civiltà, testimonianze di un passato in cui la storia di questa regione emerge da protagonista nell’incontro tra Oriente e Occidente, tra il mondo bizantino e quello latino (rovine di Castelli, monasteri e antichi borghi scomparsi) 

E che dire delle Cascate del Campanaro e delle Gole del Crocchio

Tra le numerose bellezze del posto, non passano di certo inosservate le Cascate del Campanaro.

Alte circa 22 metri, raggiungibili attraverso un sentiero ricco di attrazioni: sorgenti dalle quali si osservano sgorgare acque limpidissime e fresche, una ricca vegetazione che fa da sfondo alla cascata, ponticelli in legno che consentono di attraversare il torrente, resti del ponte in muratura con la tipica struttura ad arco che attraversa il fiume Campanaro (in parte distrutto dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale).

Lo scenario è incantevole (molto meglio delle foreste pluviali e degli scenari visti nei film) i colori la fanno da padrone, la luce si riflette sulle acque e il risultato è… SEMPLICEMENTE DA VEDERE !!

Poco lontana dalla precedente, Le Gole del Crocchio.

Per raggiungere le gole del Crocchio bisogna incamminarsi lungo un sentiero con la staccionata, il sentiero di arrivo/ritorno piacevole, ombrato dalle chiome degli alberi e molto molto gradevole nella sua semplicità.

Scavate lungo le pendici rocciose del corso del fiume Crocchio, si possono ammirare profonde e larghe pozze di acqua limpida e trasparente. Una sorta di bacino d’acqua dove potersi immergere, non un semplice bagno nelle acque ma un vero e proprio contatto con la natura.

Dulcis in fundo...

Accanto all’aspetto naturalistico, la genuinità enogastronomica.

Coltivare, allevare, produrre alimenti, cucinarli e servirli sono alcuni dei gesti più antichi, presenti in ogni tradizione e in ogni cultura.

La buona cucina tradizionale è una delle testimonianze più vive del rapporto tra un popolo, la sua terra e le sue usanze tramandate di generazione in generazione. E’ per questo che a completare l’idilliaco quadro naturalistico, non potevano mancare le esperienze enogastronomiche, avvolgendo il viaggiatore in un unico abbraccio fatto di scoperta, gusto, comprensione e empatia per un’esperienza davvero unica. Perché diciamocela tutta, l’cchio vuole la sua parte ma al gusto non si rinuncia 🙂

In Calabria, è risaputo, si mangia bene. Ogni zona presenta delle peculiarità culinare che vale la pena scoprire, molti prodotti DOP, unici e inimitabili come la ‘Nduja, salame spalmabile, piccantissimo, fatto di carne di maiale, grasso e tanto peperoncino;  la salsiccia che si ottiene dalla macinazione di tagli di maiale provenienti dal spalla e sottocostola, cui viene aggiunta una parte di lardo e arricchito di spezie, quali sale, aromi vari e pepe rosso e nero; Il Caciocavallo Silano e molto altro ancora…

Cosa stai aspettando?

Non perderti queste meraviglie, organizza la tua gita e scopri le bellezze della Presila, della Calabria, tra relax, benessere, avventura e buon cibo.

Un vero e proprio viaggio dei sensi:

la Vista per ammirare con i propri occhi la bellezza della natura, senza trucchi né inganni;

Il Gusto per non lasciarsi sfuggire i diversi sapori che il territorio della Presila ha da offrire;

Il Tatto per toccare con mano i prodotti, la qualità delle materie prime utilizzate per la produzione; dalle olive raccolte per la produzione dell’olio, al latte utilizzato per produrre i formaggi;

L’ Udito per riscoprire il silenzio e i suoni della natura, lontani dal caos cittadino;

L’ Olfatto per riscoprire gli odori di un tempo.

"La Calabria, luogo in cui tutti i sensi saranno protagonisti della vostra entusiasmante ed indimenticabile vacanza "

Lascia un commento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ti potrebbe interessare anche...