fbpx

Discovering PreSila

Olio Reale

Olio Reale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Olio Reale è l'olio che rappresenta valori come: Famiglia, Convivialità e tanto Sano e Duro Lavoro.

Cosa NON E' Olio Reale

  • Olio Reale non è un Olio Extra Vergine che si trova al supermercato, perché non sta alle logiche della grande distribuzione organizzata
  • Olio Reale non è un prodotto fatto secondo logiche industriali, perché non ci sono processi standard nella sua produzione in quanto viene fatto in modo artiginale
  • Olio Reale non è prodotto andando contro la natura, perché viene da uno dei teritori più inconaminati di Italia e viene fatto rispettando l’ambiente al 100%

Dove viene prodotto Olio Reale ?

Olio Reale è prodotto nella Presila tra i 500 e i 700 m s.l.m. e la varietà di pianta di ulivo predominante è la Carolea.

La Cultivar Carolea ha una buona resistenza al freddo e alla siccità con un resa dal 19 al 25%, produce un frutto di pezzatura grossa che danno origine ad un Olio EVO fruttato Intenso con sentori di mandorla e carciofo

Come viene prodotto Olio Reale?

OLIO REALE viene prodotto solo mediante l’estrazione dell’ oliva dalla pianta, prima che sia stato completato il processo di maturazione.Questo perchè, la completa maturazione fisiologica della drupa, non coincide con la migliore qualità tecnica del frutto. Per ottenere un ottimo prodotto occorre raccoglierlo prima del completamento del ciclo biologico. E’ stato infatti dimostrato che, via via che l’oliva matura, l’olio si accumula in particolari cellule respiratorie (mitocondrie) che si modificano sino ad assumere l’aspetto di piccoli sacchetti (vaquoli oleari), ove si iniziano a formare quei processi enzimatici ossidativi che con la disgregazione delle molecole grasse libereranno l’energia che sarà messa a disposizione della nuova pianta.

Olio Reale nel rispetto della tradizione viene raccolto direttamente dall’abero con “pettini” o “cogliolive” di varia foggia che fanno cadere la drupa su reti o paracaduti posti a terra per poi passare alla molitura nel minor tempo possibile.

Alcune aziende del territorio usano anche metodi innovativi per far cadere l’olivo dalla pianta,ad esempio usano vibratori/spazzolatori sia idraulici che pneumatici che migliorano il rendimento dell’operatore senza arrecare danni alle olive.

Nonostante il processo con il tempo si sia evoluto, per garantire la miglior qualità dell’Olio, quello che sicuramente non è cambiato sono i valori tipici del momento della raccolta, ovverto:

  • Famiglia
  • Convivialità
  • Sano e Duro Lavoro

OLIO REALE RAPPRESENTA QUESTI VALORI

Non esitare quindi a portare a casa tua Olio Reale, fallo per te, per la tua famiglia e per la tua salute, peché ti ricordo che Olio Reale viene prodotto in uno dei posti più incontaminati di Italia se non del Mondo

Ti hanno mai spiegato perché è importante consumare un ottimo Olio Extra Vergine di Oliva?

Perchè un ECCELLENTE OLIO EVO è molto importante per la nostra Salute !!!

E’ risaputo fin dall’alba dei tempi quanto l’olio oltre che essere un alimento squisito, è un super alleato per la salute poiché, è un formidabile concentrato di sostanze e composti chimici che sono ricchi di benefici. Partendo dagli antiossidanti dei polifenoli, o meglio, composti fenolici come gli acidi fenoli, il tirosolo e i flavonoidi, che prevengono la senescenza e anche alcune malattie e patologie, fino ad avere un’azione antinfiammatoria dell’ oleocantale. Sono, quindi, molti i possibili risvolti di un utilizzo quotidiano dell’extravergine.

Com'è composto l'Olio

Il 99.9 % del suo peso è composto da lipidi, il che determina il suo apporto calorico non indifferente: 890 Kcal per 100 g di prodotto. Tuttavia però, tali lipidi e il contenuto di altri nutrienti ne rendono consigliabile il consumo. Poiché, le calorie prodotte da questi non sono da considerarsi “calorie vuote” , cioè che fanno ingrassare, ma di prezioso apporto di sostanze che ci aiutano a tenere in forma il nostro organismo e il suo corretto funzionamento. Tra di esse figurano piccole quantità di vitamina A e soprattutto vitamina E.

Un piatto di Pasta, Aglio, Olio e Peperoncino ti allunga la vita

Umberto Veronesi

Chi ci ha scelto

"Olio Reale, Capocollo, N'Duja, Sopressata, quattro tipi di pasta... Questo è stato solamente il primo acquisto e non saprei da dove iniziare per raccontarvi l'entusiasmo che questi prodotti stanno riscuotendo in casa. Qualità sublime, ho riscoperto a casa i gusti che avevo assaporato nella mia permanenza a Cosenza. Bravi e ancora complimenti! "
Marco De Vallier
Da Treviso
"Conosco Antonio da una vita ormai e dal 2014 sono diventato oltre che suo amico anche suo cliente e ho portato con me anche amici e parenti. Ehh si perché OLIO REALE è un OLIO eccezionale io lo uso nella mia Pizzeria e non posso più farne a meno ne consumo 300 Litri all’anno e l’ho consigliato anche alla mia famiglia che se ne fa la scorta annuale. Un prodotto davvero ECCELLENTE e io che ho origini calabresi posso dire che il territorio di provenienza, ovvero la PreSila Calabrese fa tutta la differenza di questo mondo"
Leonardo Amato
Da Roma
"Prodotti fantastici, spedizioni in tutta italia e grande professionalità e gentilezza del titolare Antonio. La nduja tra le piu buone mai assaggiate, cosi come per Olio Reale. Consigliatissimo!!! "
Gennaro Giorgino
Da Modena

Come puoi riconoscere un ottimo Olio Extravergine di Oliva

Allora non sono certo che tu sia un intenditore di OLIO EVO quindi vorrei tu potessi apprezzare al meglio un OLIO EXTRAVERGINE quando lo assaggi…
Anche sei sempre libero di farlo nel modo più tradizionale che esiste… Ovvero: preparandoti una bella bruschetta.
 
 
L’assaggio dell’ olio avviene attraverso il susseguirsi di 3 tipi di Analisi:
  • Analisi Olfattiva: Versa l’olio in un bicchierino colorato e intiepidisci il contenitore coprendolo con il palmo di una mano. In seguito muovilo in modo circolare, tenendolo nel palmo dell’altra mano. La rotazione deve essere lenta in modo che la temperatura dell’olio arrivi intorno ai 27 Gradi. Fatto questo, annusa l’olio e capta le sensazioni vegetali che emana. In linea generale ti trovi di fronte un buon olio quando percepisci note di pomodoro, mandorle, carciofo, erba tagliata o tutto ciò che ti ricorda il profumo della natura;
  • Analisi Gustativa: Bevi una certa quantità d’olio facendo attenzione a non ingerirlo. Allo stesso tempo inspira con la bocca per ossigenare l’olio e cullalo nel cavo orale in modo da sollecitare le papille gustative.Lascia poi che l’olio riposi sulla lingua. Devi percepire gli stimoli tattili come consistenza e fluidità. Ma non solo. Anche le sensazioni scatenate dal gusto hanno il loro peso. Se senti un sapore dolce, amaro o piccante vuol dire che stai assaggiando un Olio EVO degno di questo nome. Concludi questa fase espellendo fuori l’Olio;
  • Analisi Visiva: I fattori che devono essere valutati in questa fase sono la limpidezza, la densità e il colore. La limpidezza dipende dai processi di filtrazione, la densità varia in base all’origine territoriale delle olive e il colore deve essere tra il giallo e il verde intenso;

Ricapitolando, i parametri davvero rilevanti che caratterizzano l’Olio sono:

  • Il Fruttato: Ovvero l’insieme di profumi che l’Olio emana. Ci sono oli fruttati leggeri, medi e intensi. L’Olio intenso è tipico del Sud Italia, come ad esempio in Calabria;
  • L’amaro: Deve essere in equilibrio con la piccantezza ma non deve dominarla;
  • Piccantezza: può essere percepita durante la degustazione dell’Olio nel momento dell’assaggio. Ricorda che non deve infastidire la gola. Alla fine della degustazione la bocca dovrà rimanere pulita ad indicare l’equilibrio dell’Olio degustato;
  • Il corpo: riguarda la consistenza che l’Olio lascia sul palato. Un buon Olio EVO offre sensazioni gradevoli quando deglutisci e di conseguenza non è spigoloso;

A questo punto prima di concludere facciamo anche un breve richiamo sui possibili difetti dell’Olio EVO

  • Avvinato: l’olio ricorda i torni dell’aceto o del vino, questo succede solitamente quando le olive non vengono molite entro 24h dalla raccolta, quindi c’è stata una parziale fermentazione del frutto prima della frangitura;
  • Riscaldo: l’olio in questo caso ha un profumo che richiama l’olio vecchio e ha il sapore riscaldato, può essere dovuto ad una cattiva conservazione delle olive, ad esempio sono state ammassate senza cura;
  • Morchia: l’olio non viene filtrato e rilascia residui sul fondo che trasmettono cattivi odori;
  • Rancido: quando l’olio viene sottoposto all’aria, alla luce e al calore per troppo tempo;
  • Metallico: si sente un sapore metallico a causa degli strumenti con il quale vengono raccolte le olive;
  • Terroso: l’olio sa di terra perché il frutto non è stato lavato bene nel momento della raccolta;
  • Grossolano: Un EVO con queste caratteristiche ti lascia una sensazione di sporco in gola;

Lascia un commento

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su google
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ti potrebbe interessare anche...

Taverna

Situata oggi sulle pendici della Sila Piccola, è una ridente e laboriosa cittadina di circa 3000 abitanti, che ha acquistato la sua fama per aver dato i natali ad uno dei più significativi interpreti della pittura italiana del ‘600. Mattia Preti conosciuto anche come il Cavalliere Calabrese

Leggi Tutto »